Franchising: modello vincente, +15,2% nel 2015

  • By 
  • 11 maggio, 2016
  • Commenti disabilitati su Franchising: modello vincente, +15,2% nel 2015

business franchisingIl franchising continua a crescere e si mostra un modello di business vincente rispetto al commercio tradizionale, che al contrario ha subìto seriamente i colpi della crisi di questi ultimi anni. A dirlo è l’ultimo rapporto Assofranchising del 2015, secondo cui – rispetto al 2009 – sarebbero aumentate del 15,2% le insegne operative franchising in Italia e del 4,9% il numero degli addetti coinvolti, che si attestano sui 190 mila nel 2015. Cresce anche il fatturato: con un giro di affari di 23,3miliardi di euro, pari all’1% del PIL italiano, registra uno +0,5% rispetto al 2014.
Qual è il segreto del suo successo? Il franchising garantisce all’imprenditore numerosi vantaggi: si basa sulla condivisione del rischio, offre ai consumatori l’uniformità dei prodotti, dei format commerciali e degli standard qualitativi di un particolare brand; e – soprattutto – permette all’investitore di appoggiarsi ad una rete di supporto in grado di ammortizzare le difficoltà e facilitare le esperienze di successo.
Non è un caso, infatti, che il tasso di chiusura dei negozi franchising in questi ultimi anni è estremamente più basso rispetto a quello delle attività autonome indipendenti: il 2-3% contro il ben 18-20%.
Chi apre un franchising diventa imprenditore ma ha un accompagnamento forte – spiega Italo Bussoli, vicepresidente di Assofranchsing -, basato sul win-win: se l’attività va bene vince chi ha aperto il franchising ma vince anche il brand. Inoltre, il percorso consente a delle persone che intendono diventare imprenditore autonomo di farlo con un investimento più modesto e maggiori garanzie di riuscita. In più – conclude Bussoli – l’imprenditore a fronte di un investimento modesto ha un sostegno forte nella formazione, ha il marchio che si porta dietro la comunicazione, la pubblicità e cerca di venire incontro in momenti di difficoltà. Per questo – conclude Bussoli – sempre più commercianti, così come le seconde generazioni, i figli dei commercianti tradizionali, sono sempre più pronti a riconvertire le attività”
Tra le regioni italiane con maggior numero di punti vendita franchising c’è la Lombardia, con il 15% del totale italiano. Seguono Lazio e Campania.

I commenti sono chiusi